Hotel Madagascar > Attualità > Consigli ai Viaggiatori > L'estate arriva finalmente

venerdì 29 Ottobre 2010

Madagascar può essere suddiviso in tre zone climatiche, lungo le coste troviamo un clima tropicale caldo e umido, negli altopiani interni il clima è temperato, mentre la regione meridionale del paese presenta un clima semi-desertico, secco e arido. A causa della presenza degli alisei di sud-est, il clima si divide in due stagioni: una calda e piovosa da novembre ad aprile e una secca e fresca da maggio ad ottobre.

Tra novembre ed aprile, il clima è caldo e piovoso mentre che per il resto, cioè tra dicembre e marzo, è fresco e ventoso. Per quanto riguardano le temperature, variano dai 27°C di gennaio ai 20°C di luglio e agosto, poi tra i 17°C di febbraio e i 10°C di luglio ed agosto. La costa orientale è la più piovosa regione del Madagascar, essa infatti presenta un clima sub-equatoriale molto piovoso con medie annuali di 3 500 mm di pioggia, quest'area è anche esposta durante il monsone, tra dicembre e marzo, a possibili cicloni. Lungo la costa orientale le temperature medie massime variano tra i 30°C di febbraio ai 25°C di luglio e agosto, mentre le temperature medie minime variano tra i 22°C di gennaio e i 17°C di agosto. La costa orientale è la più piovosa dell'Isola a causa del suo clima sub-equatoriale, quindi è la zona la più esposta durante il mossona tra diciembre e marzo ai cicloni. Mi ricordo dell'ultimo TSUNAMI, il maremoto dell'Oceano Indiano del diciembre 2004, uno dei più catastrofici disastri naturali dell'epoca moderna, causando circa 230.000 morti e manifestatosi attraverso una serie di onde anomale alte fino a quindici metri. In questo tempo l'autorità malgache faceva fatica di aiutare il popolo della regione in cui tutti hanno perdito le loro case, le loro ospedali, le loro scuole.... Adesso ad Antananarivo, usciamo appena dell'invierno e comincia già la stagione della pioggia manifestandosi per delle pioggirelline ma, magari secondo la media, la vera stagione piovvosa non comincerà prima di gennaio. Quindi se pensate fare in giro a Madagascar, vi consiglio prendere il primo aereo per Madagascar e arrivare adesso stesso!

da Suzy

LASCIARE UN COMMENTARIO

Il codice HTLM è mostrato come un testo e gli indirizzi web sono automaticamente trasformati
  • Destinazioni

  • Tipo

  • Categoria

Siti interessanti sul viaggio

Da Nosy Saba al parco Sahamalaza

Isola privata nel nord-ovest del Madagascar, Nosy Saba Island Resort offre la possibilità di praticare delle attività nautiche. Propone ugualmente escursioni nel richissimo parco Sahamalaza , vera riserva di biodiversità nel nord-ovest di Madagascar.

I bambini di Manina: la favola di Nosy Be

Una storia bellissima, una favola vera, si svolge in quel di Nosy Be da quando nel lontano 1997 una signora napoletana di nome Manina Consiglio si innamorò dell'isola e decise di trasferirvisi definitivamente. Insegnante in pensione, Manina decide di abbandonare lo Stivale per dedicarsi al relax, alla lettura, alla pesca... ma le cose prenderanno una piega che non si aspettava.

vedere piu' >>

Conoscere l'isola

Soggiorno immersione a Ankazoberavina

Vicino all’isola di Nosy Be, il piccolo eden di Ankazoberavina è un vero santuario della biodiversità. E’ un’isola ricoperta da una foresta vergine e circondata da scogliere di coralli dove abbondano i pesci tropicali, i tonni, gli squali, i delfini e persino le balene che migrano, nel mese di agosto, verso il Sudafrica. Questi quattordici ettari boscosi sono un reale paradiso per le orchidee selvagge e ospitano un ecosistema estremamente variegato con tartarughe giganti, camaleonti, lemuri, piccole scimmie e la rara aquila pescatore del Madagascar.

Il salegy, simbolo della musica malgascia

In diverse decine di anni, il Salegy è diventato il simbolo della festa, una danza dove i corpi si scaldano in mezzo a un tornado musicale. A 40 anni già compiuti, Jaojoby ha concepito lo stile nazionale, un miscuglio di strumentazione occidentale, di antiche melodie insulari e di ritmi locali, che portano a meraviglia le voci di Jaojoby e i suoi coristi. Quanto ai testi, essi sono, per la maggior parte, delle composizini del cantante, fresche e torride allo stesso tempo, e trattano della realtà malgascia e soprattutto, dell'amore, ognuna costituente una reale ode alla vita.

vedere piu' >>

Racconti di viaggio

Madagascar su Thalassa

Ritrovate Madagascar su France 3 alle 20:45 (Orario francese), con Thalassa una trasmissione di georges Pernou

Le meraviglie di Tuléar

Le meraviglie più notevole di Tulear, dal suo vero nome, Toliara, sono senza dubbio i suoi edifici apparentemente coloniali a causa della forte presenza coloniale nel sicolo XVII ma ancora il suo porto, un importante snodo per l'import/export di beni come sisal, sapone, cotone, riso e arachidi. . Parlando delle attrazioni turistiche, i turisti sono sopratutto attirati per le spiagge di Anakao, Ifaty e St-Augustin, o ancora l'immensa barrera corallina naturale che circonda la città.

vedere piu' >>

Newsletter
otel del Mese

Nosy Be hôtel

Nosy Be hôtel

Nosy Be hotel è situato sulla costa ovest di Nosy Be, ad alcuni chilometri del capoluogo di H ...

L'Hotel Corail Noir

L'Hotel Corail Noir

L' Hotel Corail Noir, a 15 km di Hell Ville, si trova sulla spiaggia di Ambaro al Nord-ovest dell' i ...